milano FW uomo 2018/19

 

17 GENNAIO 2018

 

  • ETRO
  • MIAORAN
  • BIG UNCLE
  • MOSCHINO
  • N 21
  • PALM ANGELS
  • PRADA
  • MARNI
  • SUNNEI
  • TAKAHIROMIYASHITA THE SOLOIST
  • UNDERCOVER
  • UNDERCOVER

 

Tra le tante ( belle, per carità ) rivisitazioni di quanto abbiamo già visto negli anni trascorsi, la tre giorni della moda maschile a Milano, ci ha proposto i bei tessuti di Etro, con il suo uomo etno-chic che non passa mai di moda, un trasgressivo Moschino sadomaso style, N° 21, con il suo reinterpretato studente political correct, Palm Angels, che si fa portabandiera dei millenials divisi tra il rock e il pop. Miuccia Prada, coerente al suo stile e sempre geniale, mescola a una maggioranza di capi neri, realizzati con il tessuto icona della maison, ( un tipo di nylon a trama fitta che è stato utilizzato la prima volta nel 1984 e che ha caratterizzato le celebri e mai superate borse ) stampe e check. Scoiattoli tra lo scozzese del completo giacca e pantaloni di lana, con cravattona d’antan tra il colletto a punte lunghe, lepri che si arrampicano sui quadri della giacca a vento patchwork, elicotteri come fumetti stampati tra i fiorellini della camicia con le maniche troppo lunghe dai polsini giganti e vecchie sedie e poltrone fumettose dall’aria polverosa sul cappotto di ottimo taglio di Marni. Una collezione che sembra un invito ad evadere in un mondo a parte, un paese delle meraviglie, lontano dai nostri ritmi infernali e dalle notizie catastrofiche di un mondo troppo spesso lontano dalla poesia. Sunnei è una ventata di freschezza, come l’esordiente Miaoran, mentre i due giapponesi Jun Takahashi  e Takahiro Miyashita, designers di Undercover e The Soloist, non sbagliano nemmeno questa stagione, e si confermano tra i nuovi talenti più interessanti.

 

 

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInGoogle+share on Tumblr